La Control Zone di Napoli

La Control Zone di Napoli

La Control Zone di Napoli è composta da quattro zone, tutte classificate “D”.

Zona 1

Contiene l’ATZ di Napoli Capodichino, con limiti verticali che vanno dalla superficie fino a 3500ft AMSL.

ATZ Napoli

Spazio aereo classificato “D”.

Limiti verticali: SFC / 2000ft AGL

All’interno di essa i servizi del traffico aereo vengono forniti da Napoli TWR sulle seguenti frequenze:

Napoli TWR / 118.500 MHz / H24

Napoli Ground / 121.900 MHz / 0600-2200 (0500-2100) /fornisce anche servizio di clearance delivery

E’ disponibile anche una frequenza ATIS:

Napoli Terminal Information / 135.975 MHZ

La Control Zone di Napoli

_____

Zona 4

Piccola porzione di spazio aereo che sembra quasi essere “appesa” ai margini nord-orientali della zona 1.

I suoi limiti verticali vanno da 2500ft AMSL a 3500ft AMSL.

La Control Zone di Napoli

_____

Zona 2

Il settore più vasto della CTR sovrasta le zone 1 e 4 a partire da 3500ft fino a FL 165.

La Control Zone di Napoli

_____

Zona 3

Appendice della Control Zone di Napoli costruita al di sopra della zona 1 della CTR di Grazzanise.

Limiti verticali: FL 95 (o il livello di transizione, se più alto) fino a FL 165.

La Control Zone di Napoli

_____

Aree sottoposte a restrizione

Fra le aree sottoposte a restrizione che interferiscono direttamente con la CTR vi sono alcune zone vietate, all’interno delle quali il traffico aereo è proibito senza eccezioni:

LI P255 Santa Maria Capua Vetere

Limiti verticali: SFC / 1000ft AGL

/////

LI P257 Arienzo

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL

/////

LI P294 Aversa

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL

/////

LI P188 Napoli Secondigliano

Limiti verticali: SFC / 1000ft AGL

/////

LI P187 Napoli

Limiti verticali: SFC / 1000ft AGL

/////

LI P298 Pozzuoli

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL

____

Interferenza con la zona 1 della CTR anche per la zona naturalistica protetta del Parco Nazionale del Vesuvio, all’interno della quale vietato a tutti gli aeromobili il sorvolo salvo che per soccorso, emergenza e di utilità per il parco

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL.

La Control Zone di Napoli

_____

Zona Aviolancistica SALERNO AD

Interferisce con la zona 2 della CTR di Napoli ed è attiva in orario 0600-SS (0500-SS), sottoposta a notifica e autorizzazione ATC di Salerno AFIU, Napoli APP e Roma ACC/FIC.

I limiti verticali vanno dalla superficie a FL 100, ma Il limite verticale superiore può essere innalzato a FL140 previa approvazione di Roma ACC o Napoli APP (con obbligo di transponder).

////

Zona regolamentata LI R24 Campolongo Foci del Sele

Interferisce con la zona 2 della CTR di Napoli.

E’ attiva dal Lunedì al Sabato HR 0500-1700 (0400-1600) ad eccezione dei giorni festivi.

Vi si svolgono esercitazioni di tiri a fuoco. Al suo interno, quando attiva, è proibito il traffico aereo.

Limiti verticali: SFC / 5000ft AMSL

////

Pur non interferendo con la CTR, ritengo giusto segnalare anche l’ATZ di Salerno Pontecagnano, spazio aereo classificato “G” ma considerato Zona Radio Obbligatoria (RMZ).

Al suo interno i piloti sono tenuti a stabilire un contatto bilaterale con l’AFIS (Salerno Aerodrome Info) sulla frequenza 119.175 MHz, operante nei seguenti orari:

01 JUN – 30 SEP HR 0700- 1700 01 OCT – 31 MAY HR 0800-1600 (0700-1500)

Le procedure strumentali dell’aeroporto di Salerno Pontecagnano si svolgono parzialmente all’interno della CTR di Napoli.

Limiti verticali: SFC / 3500ft AMSL

La Control Zone di Napoli

_____

Norme per il traffico VFR

Arrivi

Punti di ingresso:

CAPUA (RMN2) WEST LAGO PATRIA (RNW1) TORRE ANNUNZIATA (RNSE2)

Traffico diretto all’aeroporto di Napoli Capodichino:

a) proveniente da Nord: CAPUA (RMN2) – CASERTA (RNN3) – AVERSA (RNN4) a 1000 ft AGL;

b) proveniente da Ovest: CASAPESENNA (RNNW1) – AVERSA (RNN4) a 1000 ft AGL;

c) proveniente da Sud: TORRE ANNUNZIATA (RNSE2) – TORRE DEL GRECO (RNSE3) a 1000 ft AGL

Partenze

I decolli per RWY 24 non dovranno iniziare la virata a destra prima di aver raggiunto i 1000 ft AGL.

____

VFR notturno

Aeroporto situato in zona montagnosa. Il VFR notturno è consentito solo agli elicotteri. La visibilità al suolo dovrà essere non inferiore a 8 km e la base delle nubi dovrà essere non inferiore a 1500 ft per decolli, atterraggi e operazioni di circuito di traffico.

___

Inefficienza del transponder

Nel caso di indisponibilità del transponder si dovrà procedere via:

TEANO (RMN1) – CAPUA (RMN2) – CASERTA (RNN3) – AVERSA IPPODROMO (RNN4) – CASAPESENNA (RNNW1) e viceversa a 1000ft AGL, quindi procedere in accordo ai settori e livelli VFR pubblicati.

Riferimenti visivi:

a) tratto TEANO (RMN1) – CAPUA (RMN2) – CASERTA (RNN3) seguire l’autostrada;

b) tratto CASERTA (RNN3) – AVERSA IPPODROMO (RNN4) seguire la ferrovia;

c) CASERTA (RNN3): Palazzo Reale/stazione ferroviaria;

d) AVERSA IPPODROMO (RNN4): ippodromo.

NOTA

Il traffico che interessa la suddetta zona è soggetto alla preventiva autorizzazione di Grazzanise/APP-TWR sulla frequenza 122.100 MHz.

La Control Zone di Napoli

_____

Servizi del traffico aereo

Il Controllo di Avvicinamento di Napoli fornisce il suo servizio H24, come segue:

Napoli APP/Radar – 124.350 MHz

Napoli APP/Radar – 120.950 MHz (frequenza a discrezione ATC)

_____

Control Area di Roma

Al di sopra della Control Zone di Napoli lo spazio aereo rimane controllato e sotto la giurisdizione di Roma ACC, coperto dalle zone della 5, 2 e 4 della Control Area di Roma, tutte classificate “D”.

Le aree di competenza non interferiscono perché lo spazio aereo della CTR di Napoli è comunque escluso da quello della CTA.

_____

_____

_____

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *