Control Zone di Genova

Control Zone di Genova

Sono davvero poche le zone di controllo di cui non mi sia occupato su questo blog e, non avendo intenzione di interrompere questo percorso, dedico quindi la mia attenzione alla Control Zone di Genova.

La CTR è formata da tre zone, tutte classificate “D”.

Zona 1

La zona 1 contiene l’ATZ dell’aeroporto di Genova Sestri.

All’interno dell’ATZ operano le seguenti frequenze:

Genova Torre – TWR – 118.600 MHz – H24

Genova Terminal Information – ATIS – 122.825 MHz – H24

Nota: ATIS Disponibile anche telefonicamente al numero +39 010 6059024

Control Zone di Genova

 

Zona 2

Sovrasta la zona 1 a partire da 2000ft AMSL e fino a FL95.

Control Zone di Genova

 

Zona 3

Addossata al settore nord-orientale della zona 1, a partire da 1500ft AGL e fino a FL95.

Control Zone di Genova

_____

 

Traffico VFR

Nella prossima immagine è possibile osservare la disposizione dei punti di riporto istituiti per il traffico VFR.

Control Zone di Genova

In caso di avaria radio, i piloti dovranno:

a) se in attraversamento, evitare il CTR di Genova

b) se diretti all’aeroporto di Genova/Sestri, procedere fino a NORTH PEGLI (MJN1) a NW dell’aeroporto, osservare i movimenti aerei ed attendere i segnali ottici della TWR per entrare in circuito di traffico, che si svolge a Sud della pista.

Arrivi:

I voli VFR, prima di interessare il CTR, dovranno richiedere l’autorizzazione all’ APP/TWR, indicando il punto di ingresso e la quota richiesta.

L’Ente ATC potrà approvare la richiesta o modificare l’autorizzazione (ritardando l’ingresso al CTR o facendo attendere l’aeromobile su punti di riporto VFR convenienti) o instradare il volo su rotte ed a quote appropriate.

Ai piloti in arrivo sull’aeroporto di Genova/Sestri potrebbe essere richiesto di attendere su NORTH PEGLI (MJN1) perché la TWR di Genova emetta l’autorizzazione ad entrare nel circuito aeroportuale.

Tale autorizzazione viene emessa, normalmente, sui punti COGOLETO (MJW1), NERVI (MJE1), NORTH PEGLI (MJN1).

_____

 

Zone Protette

E’ interessante notare come l’intero settore sia caratterizzato da una forte presenza di zone soggette a protezione faunistica, che in alcuni casi arrivano anche interessare direttamente lo spazio aereo della CTR, come nel caso delle zone MONTE BEIGUA e MONTE DI PORTOFINO.

Control Zone di Genova

All’interno di queste aree è vietato l’ atterraggio, il decollo e il sorvolo. Sono esonerati

dal divieto i seguenti voli: di soccorso, di emergenza, di sorveglianza per la prevenzione degli incendi boschivi ed i voli notificati/autorizzati dalle Autorità di zona (vedere i numeri telefonici di Genova ATS/DA)

Nella prossima immagine, oltre ad una vista d’insieme sulle predette aree, è possibile osservare la dislocazione di alcune zone vietate: LI 118 Chiavari, LI P124 Genova Pontedecimo e LI P168 Genova.

Di queste, la sola LI P168 interessa direttamente lo spazio aereo della CTR.

_____

 

Servizi del traffico aereo

Il servizio di controllo è fornito dal Controllo di Avvicinamento di Genova, sulle seguenti frequenze:

Genova Approach/Radar – 119.600 MHz – H24

Genova Radar – 119.850 MHz – Frequenza di riserva, usabile a discrezione ATC

Quando il radar di avvicinamento non è disponibile verrà garantito il servizio di controllo di avvicinamento procedurale.

Potrebbe però essere disponibile un servizio di radar monitoring utilizzando i dati derivati dai sensori SSR di rotta di Milano ACC da 3000ft (limite inferiore).

_____

_____

 

Comments

  • Ciao Fabio,
    dei chiarimenti su aeroporti ed ATS.
    1) cos’è un aeroporto minore? E dove si trova su AIP la classificazione dei vari tipi di aeroporto?
    2) anche l’AFIS fa parte dei servizi ATS ?
    3) ed il FIC fa parte dei servizi ATS?

    grazie e buona giornata

    Franco Ralli

    • 1) Gli aeroporti italiani attualmente sono distinti in “Aeroporti certificati” e “Aeroporti non certificati”.
      Si potrebbe dire con approssimazione che gli aeroporti non certificati siano minori.
      2) Sì.
      3) Sì.

      Un cordiale saluto

      Fabio Patrassi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *