La Control Zone di Lamezia

La Control Zone di Lamezia

Il mio metodico viaggio attraverso gli spazi aerei controllati italiani mi porta oggi ad analizzare la Control Zone di Lamezia.

All’interno della CTR, come è intuibile, troviamo l’ATZ dell’aeroporto di Lamezia Terme.

Ma nel suo spazio aereo si sviluppano anche le procedure strumentali dell’aeroporto di Crotone (il quale, tuttavia, rimane un aeroporto non controllato).

La CTR di Lamezia è formata da sei zone, tutte classificate “D”.

 

Zona 1

Contiene l’ATZ dell’aeroporto di Lamezia Terme ed è posta a protezione del suo traffico.

Limiti verticali: SFC / 3000ft AMSL.

Nell’ATZ di Lamezia il servizio di controllo di aeroporto è fornito da Lamezia TWR sulle frequenze 125.900 MHz e 122.100 MHz con orario H24.

Nell’immagine che segue è stata rappresentata anche l’ATZ di Crotone, ancorché situata al di fuori della CTR.

Nell’ATZ di Crotone opera un AFIS (Crotone Aerodrome Info) sulla frequenza 119.105 MHz, in orario 0700/z-1900/z (0600/z-1800/z). Ricordo che l’ATZ è considerata una RMZ (Zona radio obbligatoria).

La Control Zone di Lamezia

 

Zona 2

Una sorta di prolungamento verso Ovest della Zona 1.

Limiti verticali: 1000ft AMSL / 3000ft AMSL.

La Control Zone di Lamezia

 

Zona 4

Sovrasta l’ATZ di Crotone, senza interferire con essa.

Limiti verticali: 1500ft AMSL / 3000ft AMSL.

 

Zona 3

E’ il “corpo” centrale della CTR, posta al di sopra delle aree descritte in precedenza.

Limiti verticali: 3000ft AMSL / FL145.

La Control Zone di Lamezia

 

Zona 5

Addossata al limite orientale della zona 3.

Limiti verticali: 6000ft AMSL / FL145.

La Control Zone di Lamezia

 

Zona 6

Appendice settentrionale della zona 3.

Limiti verticali: 6000ft AMSL / FL145.

_____

 

FIR e aree di responsabilità FIC/ACC

La peculiare caratteristica di questa Zona di Controllo è quella di essere attraversata dai confini che separano la FIR di Roma da quella di Brindisi e da quelli che delimitano le aree di responsabilità delle due FIC/ACC (che, come noto, non coincidono).

La Control Zone di Lamezia

 

Servizi del traffico aereo

Il servizio di controllo è fornito dal Controllo di Avvicinamento di Lamezia, con le seguenti modalità:

Lamezia Approach – 118.800 MHz – H24

Lamezia Approach – 122.100 MHz – H24

Lamezia Radar – 118.800 MHz – 0800/z-1700/z (0700/z-1600/z)

Lamezia Radar – 122.100 MHz – 0800/z-1700/z (0700/z-1600/z)

_____

 

Visual Reporting points

Sono numerosi i punti di riporto VFR utilizzabili utilizzabili in questo settore.

La maggior parte afferiscono al traffico dell’aeroporto di Lamezia Terme, ma ce ne sono alcuni relativi a quello di Crotone.

Eccone l’elenco:

Lamezia Terme

SELLIA MARINA (CAE1)

NICASTRO (CAN1)

TIRIOLO (CANE1)

PETILIA POLICASTRO (CANE2)

FOCE FIUME NETO (CANE3)

CAPO SUVERO (CANW1)

AMANTEA (CANW2)

PONTILE SIR (CAS1)

PIZZO (CAS2)

GIRIFALCO (CASE1)

SOVERATO (CASE2)

TROPEA (CASW1)

RDL 260/22 LMT VOR/DME (CAW1)

RDL 290/22 LMT VOR/DME (CAW2)

Crotone

CAPO COLONNA (BCE1)

SAN MAURO MARCHESATO (BCNW1)

STECCATO (BCSW1)

_____

Zone vietate

Può essere utile anche un promemoria sulle zone vietate presenti nel settore:

LI P154 Catanzaro

Traffico aereo interdetto.

Situata ad Est dell’aeroporto di Lamezia Terme, entro la zona 1 della CTR.

Il suo spazio aereo interferisce con quello della LI P219.

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL.

LI P219 Siano Catanzaro

Traffico aereo interdetto.

Situata ad Est dell’aeroporto di Lamezia Terme, entro la zona 1 della CTR.

Il suo spazio aereo interferisce con quello della LI P154.

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL.

LI P158 Crotone

Traffico aereo interdetto.

Situata a Nord dell’aeroporto di Crotone, al di fuori degli spazi aerei controllati.

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL.

LI P237 Vibo Valentia

Traffico aereo interdetto.

Situata a Sud-Ovest dell’aeroporto di Lamezia Terme, al di fuori degli spazi aerei controllati.

Limiti verticali: SFC / 1500ft AGL.

La Control Zone di Lamezia

_____

 

CTA (Control Area)

Lo spazio areo della Control Zone di Lamezia è escluso da quello delle CTA, tuttavia ritengo importante ricordare la collocazione e le caratteristiche delle zone CTA di Roma e di Brindisi:

ROMA CTA Zona 2 “Mediterraneo”

Limiti verticali: FL105/FL195  – Classificazione “D”

BRINDISI CTA Zona 2 “Adriatico Sud”

Limiti verticali: FL95/FL195  – Classificazione “D”

BRINDISI CTA Zona 3 “Basilicata”

Limiti verticali: FL105/FL195  – Classificazione “D”

______

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *