Servizi meteorologici ENAV

L’AIRAC A6/20, in vigore dal 16 Luglio 2020, annuncia una notevole variazione nella fornitura dei servizi meteorologici ENAV.

Come noto, l’assistenza meteorologica per l’aviazione civile in Italia è attualmente assicurata da ENAV S.p.A. Operations, per il tramite di Meteorology ENAV, delle Unità di Previsioni Meteorologiche di Roma e Milano, delle stazioni meteorologiche aeroportuali, degli ARO/CBO di Milano e Roma e dell’Aeronautica Militare (per i compiti ad essa assegnati).

A partire dal 16 Luglio 2020, le previsioni meteorologiche saranno accentrate in un unico ente dislocato a Roma, denominato:

Italy MFU – (Meteorological Forecast Unit) 

Tel: +39 06 79086733, +39 06 79086735 Fax: +39 06 79086459 AFTN address: LIJRYMYX

Il servizio di osservazioni meteorologiche da postazioni radar meteo in superficie per Milano e Roma è fornito da Italy MFU.

(informazioni aggiornate con AIRAC A7/20, in vigore dal 13 Agosto 2020)

 

Aeroporti interessati:

ALBENGA/Riviera Airport, ALGHERO/Fertilia, ANCONA/ Falconara, BARI/Palese, BERGAMO/Orio al Serio, BOLOGNA/Borgo Panigale, BOLZANO, BRESCIA/Montichiari, BRINDISI/Casale, CAGLIARI/Elmas, CATANIA/Fontanarossa, COMISO, CROTONE, CUNEO/Levaldigi, FIRENZE/Peretola, FOGGIA/Gino Lisa, FORLI’, GENOVA/Sestri, LAMEZIA TERME, LAMPEDUSA,  MILANO/Linate, MILANO/Malpensa, NAPOLI/Capodichino, OLBIA/Costa Smeralda, PADOVA, PALERMO/Punta Raisi, PANTELLERIA, PARMA, PERUGIA/S.Francesco, PESCARA, REGGIO CALABRIA, RIETI, RIMINI/Miramare, ROMA/Ciampino, ROMA/Fiumicino, ROMA/Urbe, SALERNO/Pontecagnano, TARANTO/Grottaglie, TORINO/Aeritalia, TORINO/Caselle, TREVISO/S.Angelo, TRIESTE/Ronchi Dei Legionari, VENEZIA/Lido, VENEZIA/Tessera, VERONA/Villafranca.

_____

 

UPDATE del 25 Gennaio 2021 (AIRAC A13/20, in vigore dal 28 Gennaio 2021) 
  • Vento al suolo

Al paragrafo 3.1.1 “Vento al suolo” di cui alla pagina GEN 3.5-4 dell’AIP, viene aggiunto quanto segue:

il vento al suolo viene riportato in gradi magnetici nei riporti METAR (e SPECI ove previsti) emessi sugli aeroporti di Albenga/Riviera Airport, Bolzano, Crotone, Foggia/Gino Lisa, Forlì, Padova, Pantelleria, Parma, Reggio Calabria, Rieti, Roma/Urbe, Salerno/Pontecagnano, Taranto/Grottaglie, Torino/Aeritalia, Venezia/Lido e Venezia/Tessera.

Aggiunte, inoltre, le seguenti note:

Albenga/Riviera Airport, Bolzano, Crotone, Foggia/Gino Lisa, Forlì, Padova, Pantelleria, Parma, Reggio Calabria, Rieti, Roma/Urbe,
Salerno/Pontecagnano, Taranto/Grottaglie, Torino/Aeritalia, Venezia/Lido e Venezia/Tessera: 

a) non emettono SPECI (ove richiesto) e riporti locali speciali quando la differenza tra intensità massima e media del vento al suolo (raffica) è diminuita di 10 kt o più rispetto alla raffica dell’ultimo riporto, se l’intensità media del vento, prima o dopo la variazione, è maggiore o uguale a 15 kt;

b) emettono SPECI (ove richiesto) e riporti locali speciali quando la differenza tra intensità massima e media del vento al suolo (raffica) è aumentata di 10 kt o più rispetto alla raffica dell’ultimo riporto, se l’intensità media del vento, prima o dopo la variazione, è maggiore o uguale a 15 kt;

Quando sono applicate procedure di abbattimento del rumore, gli aeroporti di Albenga/Riviera (si veda AIP AD 2 LIMG table 23) e Reggio Calabria (si veda AIP AD 2 LICR Table 20) non emettono riporti locali speciali quando in presenza di scostamenti dall’intensità media del vento al suolo (raffiche) di almeno 5 nodi rispetto all’ultimo riporto/variazione significativa segnalata, se l’intensità media del vento prima e/o dopo la variazione è di 15kt o più.

  • Visibilità

Al paragrafo 3.1.2 “Visibilità” di cui alla pagina GEN 3.5-6 dell’AIP, viene specificato quanto segue:

Quando i riporti locali regolari e speciali sono utilizzati per gli aeromobili in decollo, le osservazioni della visibilità devono essere rappresentative delle condizioni lungo la pista.

Quando i riporti locali regolari e speciali sono utilizzati per gli aeromobili in atterraggio, le osservazioni della visibilità devono essere rappresentative delle condizioni nella zona di touchdown della pista.

  • RVR

Al paragrafo 3.1.3 “RVR” di cui alla pagina GEN 3.5-7 dell’AIP, valgono le seguenti note:

Gli aeroporti di Forlì, Parma, Taranto/Grottaglie e Venezia/Tessera non emettono SPECI (ove richiesto) e riporti locali speciali quando il valore di RVR migliora raggiungendo o oltrepassando (in aumento) uno o più dei seguenti valori, oppure quando l’RVR peggiora oltrepassando (in diminuzione) uno o più dei seguenti valori 50, 175, 300, 550 o 800 m. Vengono invece utilizzati i valori di 150, 350, 600 e 800 m.

Gli aeroporti di Forlì, Parma, Taranto/Grottaglie e Venezia/Tessera non definiscono una marcata discontinuità nei dati di RVR quando si produce una improvvisa e persistente variazione della RVR, della durata di almeno 2 minuti, che raggiunga o oltrepassi i valori di 800, 550, 300 and 175m. Vengono invece utilizzati i valori di 150, 350, 600 e 800 m.

  • METAR/SPECI AUTO

Il paragrafo 3.1.10 “METAR/SPECI AUTO” di cui alla pagina GEN 3.5-10 dell’AIP, cambia come segue:

Servizi meteorologici ENAV

Servizi meteorologici ENAV

Servizi meteorologici ENAV

  • Avvisi d’aeroporto

Relativamente al fenomeno neve, gli avvisi d’aeroporto segnalano lo spessore del manto nevoso osservato e, eventualmente, anche quello previsto.

 

______

 

Comments

  • Buongiorno Fabio, spero tutto bene come qui nel Veneto.
    Grazie per questo articolo sulla meteorologia dello spazio aereo italiano, che mi da l’opportunità di chiederti dei chiarimenti:
    1) gli aeroporti che hai elencato sono solo quelli civili, il cui servizio meteo è gestito da ENAV. Ma a questi vanno aggiunti tutte le basi militari dove il servizio meteo è gestito dall’A.M.. Giusto?
    2) sul mio cellulare uso l’applicazione Avia Weather, che però, per alcuni aeroporti mi dice continuamente “No data available”, come per esempio: Venezia Lido, Udine Campoformido (che non compare sul tuo elenco), ecc.;
    3) pensavo che l’accentramento a Roma fosse già avvenuto dall’inizio dell’anno;
    4) cosa intendi per “per i compi ad essa assegnati” quando ti riferisci all’A.M.?
    5) infine di vorrei chiedere dove posso trovare le utenze telefoniche di tutti gli enti ATC nazionali (FIC, APP, TWR, ARO/CBO, UPM, ecc.)?

    Grazie per la tua disponibilità

    Franco Ralli

  • Fabio,

    ho lasciato in tastiera altri due quesiti:

    6) esiste un documento dove sono elencate tutte le stazioni meteo sia gestite da ENAV che dall’A.M.?

    7) mi pare di aver letto che alcune stazioni meteo funzionano in modo automatico senza la presenza di un operatore, come, per esempio Perugia e Comiso. O forse è solo una disposizione temporanea?

    Franco Ralli

    • Ciao Franco!

      ecco le mie risposte:

      1) Sì. il mio articolo si riferisce all’assistenza meteorologica per l’aviazione civile per cui è risultato molto mirato.
      2) Diciamo che la meteorologia non è propriamente il mio campo e non saprei dirti perché la tua applicazione non fornisca dati. Quel che so è che Venezia Lido possiede una stazione meteorologica e Udine Campoformido no.
      3) Era stato emesso un NOTAM permanente, in effetti. Tuttavia ho preferito attendere la pubblicazione dell’informazione in AIP per essere certo di aver capito bene la portata del cambiamento.
      4) Intendo dire che AM, oltre a fornire ovviamente il proprio supporto meteorologico alle basi prettamente militari, fornisce servizi anche per gli aeroporti militari aperti al traffico civile.
      5) non mi sembra siano pubblicati i recapiti telefonici degli ACC e degli APP. Puoi reperire invece i recapito degli ARO/CBO di Roma e Milano in AIP GEN 3.1-1
      e i recapiti delle autorità ATS aeroportuali nella tabella 2 di ogni singolo aeroporto (parte AD 2)
      6) Sì. AIP GEN 3.5
      7) Come detto, non sono un grande esperto in materia, ma credo che per alcuni tipi di riporti meteo non sia necessaria la presenza fisica di un operatore.

      Un saluto

      Fabio Patrassi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *