Control Zone di Torino

Torno volentieri ad occuparmi della Control Zone di Torino, per dedicare maggiore attenzione alle zone soggette a restrizione presenti in questo spazio aereo.

A scanso di equivoci, preciso che non è prevista alcuna variazione rispetto a quanto attualmente pubblicato in AIP.

Cominciamo con una breve descrizione delle cinque zone di cui è composta la CTR (tutte classificate “D”).

I am glad to revisit Torino Control Zone, to focus more attention on the areas subject to restriction in this airspace.

For the avoidance of doubt, I would like to point out that there will be no change to what is currently published in AIP.

Let’s start with a brief description of the five zones of which the CTR is constituted (all classified as “D”).

 

Zona 1

E’ posta a protezione del traffico aeroportuale e delle procedure strumentali di Torino Caselle.

Limiti verticali: SFC / 2500ft AMSL.

It is designed to protect the airport traffic and the instrument procedures of Torino Caselle.

Vertical limits: SFC / 2500ft AMSL.

 

Zona 2

Rappresenta il “corpo” della CTR e sovrasta la zona 1.

Limiti verticali: 2500ft AMSL / FL 85.

It represents the “body” of the CTR and overlooks zone 1.

Vertical limits: 2500ft AMSL / FL 85.

 

Zona 4

Una sorta di “corridoio” di spazio aereo, poggiato sul settore occidentale della zona 2.

Limiti verticali: 5500ft AMSL / FL85.

A sort of “corridor” of airspace, placed on the western sector of zone 2.

Vertical limits: 5500ft AMSL / FL85.

Control Zone di Torino

 

Zona 3

E’ la zona che sovrasta l’ATZ di Cuneo Levaldigi.

I suoi limiti verticali sono: 2500ft AMSL / FL 85; tuttavia, una nota sull’AIP avvisa che questa zona, al di sopra dei 3500ft AMSL, è attiva solo in presenza di traffico da/per l’aeroporto di Cuneo Levaldigi, in coordinamento con il SCCAM di Milano (Servizio di Coordinamento e Controllo dell’Aeronautica Militare).

Questa caratteristica la rende assai “particolare”.

In pratica, in assenza di traffico da/per Cuneo, essa si riduce ad una sottile striscia di spazio aereo verticale, che va dai 2500ft ai 3500ft AMSL.

It is the area that overlooks Cuneo Levaldigi ATZ.

Its vertical limits are: 2500ft AMSL / FL 85; however, a remark on AIP warns that this area, above 3500ft AMSL, is active only in the case of traffic to/from Cuneo Levaldigi airport, in coordination with Milano SCCAM (Air Force Coordination and Control Service).

This characteristic makes it very “special”.

When there is no traffic to/from Cuneo, it is reduced to a thin strip of vertical airspace, ranging from 2500ft to 3500ft AMSL.

 

Zona 5

Si tratta di una piccola porzione di spazio aereo a Ovest della zona 3.

Anch’essa è da considerare attiva solo in presenza di traffico da/per l’aeroporto di Cuneo Levaldigi, in coordinamento con il SCCAM di Milano (Servizio di Coordinamento e Controllo dell’Aeronautica Militare).

Limiti verticali: 5500ft AMSL / FL85.

It is a small portion of airspace, west of zone 3.

It is to be considered active only when traffic flows to/from Cuneo Levaldigi airport, in coordination with the Milano SCCAM (Air Force Coordination and Control Service).

Vertical limits: 5500ft AMSL / FL85.

Control Zone di Torino

 

Nella prossima immagine, sono visibili le zone aviolancistiche “Cumiana” e “Garzigliana” che operano giornalmente, dall’alba al tramonto, sotto la responsabilità ATS di Torino APP e Milano ACC/FIC.

Il limite verticale della zona “Cumiana” può essere innalzato a FL 150.

In the next image, you can see the parachuting areas of “Cumiana” and “Garzigliana”, active from sunrise to sunset, under the ATS responsibility of Torino APP and Milano ACC/FIC.

The vertical limits of “Cumiana” parachuting area can be raised to FL 150.

Control Zone di Torino

 

Ed ecco una vista globale sulla Control Zone:

And here’s a global view of the Control Zone:

Per gli ulteriori approfondimenti ho suddiviso la CTR in tre settori, riferiti alle alle zone aeroportuali di Torino Caselle, Torino Aeritalia e Cuneo Levaldigi.

For further details I have divided the CTR into three sectors, referring to the airport areas of Torino Caselle, Torino Aeritalia and Cuneo Levaldigi.

 

TORINO CASELLE

Avviciniamo ora lo sguardo al settore Nord della CTR, quello relativo alla zona aeroportuale di Torino Caselle.

Noteremo che l’ATZ di Torino ha un limite verticale superiore che giunge a 3000ft AMSL, 500ft al di sopra del limite superiore della zona 1 della CTR.

Più a est, ecco la zona vietata LI P250 Saluggia, con limite verticale superiore a 3000ft AGL.

La zona di lavoro aereo militare militare di Volpiano si trova all’interno della zona 1, a est dell’ATZ.

Al suo interno, si svolge intensa attività elicotteristica militare, in coordinamento e previa autorizzazione di Torino TWR/APP.

A Nord-Ovest dell’ATZ, la piccola zona VDS MADONNA DELLA NEVE AREA.

Attiva giornalmente, dall’alba al tramonto, la zona potrebbe marginalmente interessare, vista l’altitudine della sua posizione, la zona 2 della CTR.

Soggetta a coordinamento con Torino TWR.

English text:

Let’s now get closer to the northern sector of the CTR, the one related to Torino Caselle airport area.

We will notice that Torino ATZ upper vertical limit that reaches 3000ft AMSL, 500ft above the upper limit of zone 1 of the CTR.

Further east, the prohibited zone LI P250 Saluggia, with an upper vertical limit of 3000ft AGL.

The military aerial work zone of Volpiano is located within zone 1, east of the ATZ.

Inside, intense military helicopter activity is carried out, subject to coordination and authorization by Torino TWR/APP.

North-west of the ATZ, the small ultra-light machines zone MADONNA DELLA NEVE AREA.

It is active daily, from sunrise to sunset, and could marginally affect, given the altitude of its position over surface, zone 2 of the CTR.

Subject to coordination with Torino TWR.

Control Zone di Torino

 

Nell’immagine successiva una vista in pianta del settore esaminato, dove è possibile notare anche i punti di riporto VFR ed i Visual Holding Gates che riguardano l’aeroporto di Torino.

Si ricorda che sui punti FIANO e VOLPIANO gli aeromobili devono ricevere l’autorizzazione di Torino TWR per entrare nel circuito di traffico aeroportuale od a sorvolare l’aeroporto.

The following image is a plan view of the sector examined, where it is possible to notice also the VFR reporting points and the Visual Holding Gates concerning Torino airport.

Please note that over FIANO and VOLPIANO points the aircraft must receive the authorization of Torino TWR to enter the airport traffic circuit or to overfly the airport.

 

TORINO AERITALIA

Più a Sud, ecco i tre settori a “gradini” dell’ATZ di Torino Aeritalia.

L’aeroporto, gestito dall’Aeroclub Torino, è sede di AFIS (Aeritalia Aerodrome Info), e la sua ATZ è classificata “G”.

Tuttavia, è bene ricordare che essa è una RMZ (Zona Radio Obbligatoria).

Further south, the characteristics three ” steps ” sectors of Torino Aeritalia ATZ.

ATS responsible unit of the airport, managed by Aeroclub Torino, is Aeritalia Aerodrome Info (AFIS), and its ATZ is classified “G”.

However, it should be remembered that it is an RMZ (Radio Mandatory Zone).

Control Zone di Torino

 

Lo stesso punto di vista, ma con l’aggiunta delle zone vietate e regolamentate.

All’interno della vietata LI P228 “Torino 2” il traffico è interdetto, ad eccezione di quello che segue le procedure TACAN militari.

La zona regolamentata LI R58 “Venaria Reale” occupa una parte significativa dell’ ATZ di Torino Caselle. Mentre dal suo spazio aereo deve essere considerato escluso quello dell’ATZ di Torino Aeritalia.

All’interno di essa si svolge intensa attività di elicotteri dell’esercito e attività paracadutistica, ma la proibizione ad occupare la zona riguarda solo gli aeromobili non dotati di apparati VHF.

Ente ATS responsabile nell’area: Torino APP.

Immediatamente ad est del settore 1 dell’ATZ troviamo la zona regolamentata LI R34 “Torino Città”, che è in realtà una zona vietata al sorvolo per motivi di sicurezza.

Tuttavia, sono previste diverse eccezioni:

aeromobili di Stato, attività di lavoro aereo in accordo a quanto stabilito in ENR1.1, servizio di soccorso medico con elicottero (HEMS) ed elisoccorso, voli di elicotteri provenienti o diretti alle elisuperfici situate nella zona LI R34, voli IFR da/per l’aeroporto di Torino Caselle, voli IFR da-per l’aeroporto di Torino Aeritalia in accordo a quanto riportato in AD 2.

English text:

The same point of view, but with the addition of prohibited and restricted areas.

Within the prohibited area LI P228 “Torino 2” the traffic is forbidden, except for aircraft following military TACAN procedures.

The restricted area LI R58 “Venaria Reale” occupies a significant part of Torino Caselle ATZ. While from its airspace must be considered excluded Torino Aeritalia ATZ.

Within it there is intense activity of army helicopters and parachuting, but the prohibition to occupy the area concerns only aircraft not equipped with VHF apparatus.

ATS responsible unit for the area: Torino APP.

East of sector 1 of the ATZ there is the restricted area LI R34 “Torino Città”, where oveflying is forbidden for safety reasons.

However, there are several exceptions:

State aircraft, aerial work activities in accordance with the provisions of ENR1.1, helicopter medical rescue service (HEMS) and helicopter rescue, helicopter flights from/to the helipads located within LI R34 area, IFR flights to/from Torino Caselle airport, IFR flights to/from Torino Aeritalia

 

Le zone di addestramento di Torino Val Susa (Settori 1 e 2) sono talmente collegati alle attività dell’aeroporto di Torino Aeritalia che i settori dell’ATZ seguono la numerazione iniziata con queste aree.

Qui si svolge attività volovelistica e VFR locale, da mezz’ora prima dell’alba a mezz’ora dopo il tramonto.

Interessano quote anche piuttosto elevate, sovrapponendosi principalmente alla zona 4 della CTR, tuttavia, quando esse sono attive, lo spazio aereo relativo è classificato “G” e va quindi sottratto all’area controllata.

Appena al di sopra del settore 3 dell’ATZ di Torino Aeritalia, da 2000ft AMSL a 4000ft AMSL, si svolgono le attività della zona di volo acrobatico TORINO AERITALIA, ogni giorno dalle 0630/z fino a mezz’ora dopo il tramonto.

La zona non è usabile quando è in corso una procedura strumentale di avvicinamento sull’ aeroporto di Torino Caselle, quando è in uso la RWY18 per le partenze dall’ aeroporto di Torino Caselle o quando siano in corso altre attività di volo nell’ ATZ di Torino Aeritalia.

Un accenno anche al poligono militare di Tavernette, che, con il suo limite verticale superiore posto a 8400ft AMSL interessa la zona 4 della CTR.

English text:

The training areas of Torino Val Susa (Sectors 1 and 2) are so closely linked to the activities of Torino Aeritalia airport that the ATZ sectors follow the numbering started with these areas.

Here, local gliders activities take place, from half an hour before sunrise to half an hour after sunset.

They also involve rather high altitudes, overlapping with zone 4 of the CTR. However, when they are active, the relative airspace is classified as “G” and must therefore be excluded from the controlled area.

Just above sector 3 of Torino Aeritalia ATZ, from 2000ft AMSL to 4000ft AMSL, the activities of the TORINO AERITALIA aerobatic flight area take place every day from 0630/z until half an hour after sunset.

The area is not usable when an instrument approach procedure is in progress at Torino Caselle airport, when the RWY18 is in use for departures from Torino Caselle airport or when other flight activities are in progress within Torino Aeritalia ATZ.

A mention also for the military firing area “Tavernette”. With its upper vertical limit placed at 8400ft AMSL affects zone 4 of the CTR.

 

Nella vista in pianta che segue sono individuabili i punti di riporto VFR, utilizzati per l’inserimento e l’uscita dai circuiti di traffico (vedere la regolamentazione in AIP per ulteriori dettagli) e alcune zone di lavoro aereo per attività aeromodellistica.

In the following plan view you can find the VFR reporting points, used for the entry and exit from the traffic circuits (see the AIP regulation for further details) and some aerial work areas for aeromodelling activities.

Control Zone di Torino

 

CUNEO LEVALDIGI

L’ATZ di Cuneo Levaldigi è classificata “G” (Zona radio obbligatoria – RMZ) quando il servizio di Torre non è fornito.

Dalle 0600/z alle 0900/z e dalle 1700/z alle 2000/z (0500-0800 e 1600-1900 durante il periodo dell’ora legale) viene fornito il servizio AFIS (Cuneo Aerodrome Info).

Diventa di classe “D” quando invece viene fornito il servizio di Torre, ovvero dalle 0900/z alle 1700/z (0800-1600).

Spiccano le zone di volo acrobatico ALENIA TEST CUNEO e CUNEO LEVALDIGI, che operano appena al di sopra dell’ATZ.

L’area ALENIA TEST CUNEO opera dal Lunedì al Venerdì (festivi esclusi) dall’alba al tramonto, per l’attività acrobatica di ALENIA Aeronautica, in coordinamento con Cuneo TWR/AFIU, Torino APP e Milano SCCAM. Le procedure strumentali dell’aeroporto di Cuneo sono sospese quando essa è attiva.

L’area CUNEO LEVALDIGI opera invece dal Lunedì al Venerdì dalle 0800/z al tramonto; il Sabato e i giorni festivi dall’alba al tramonto. Anche qui è richiesto il coordinamento tra Cuneo AFIS/TWR con Torino APP e Milano ACC/SCCAM.

Le attività delle due aree non sono compatibili.

In questo settore sono presenti due zone vietate, la LI P215 Saluzzo e la LI P106 Fossano.

Per quest’ultima, l’interdizione del traffico aereo non vale per gli aeromobili impegnati nelle procedure strumentali di Cuneo.

CUNEO LEVALDIGI

Cuneo Levaldigi ATZ is classified as “G” (Radio Mandatory Zone – RMZ) when the TWR control service is not provided.

From 0600/z to 0900/z and from 1700/z to 2000/z (0500-0800 and 1600-1900 during daylight saving time) the AFIS (Cuneo Aerodrome Info) service is provided.

It takes the class “D” when the TWR control service is provided, i.e. from 0900/z to 1700/z (0800-1600).

The aerobatic flight areas ALENIA TEST CUNEO and CUNEO LEVALDIGI, which operate just above the ATZ, stand out.

ALENIA TEST CUNEO area is active from Monday to Friday (excluding holidays) from sunrise to sunset, for the aerobatic activity of “ALENIA Aeronautica”, in coordination with Cuneo TWR/AFIU, Torino APP and Milano SCCAM.

Instrument procedures of Cuneo airport are suspended when it is active.

CUNEO LEVALDIGI area is active from Monday to Friday from 0800/z until sunset; on Saturdays and public holidays from sunrise to sunset. It is required the coordination between Cuneo AFIS/TWR with Torino APP and Milano ACC/SCCAM.

The activities of the two areas are not compatible.

In this sector there are two prohibited areas, LI P215 Saluzzo and LI P106 Fossano.

For the latter, the ban on air traffic does not apply to aircraft engaged in the instrument procedures of Cuneo.

 

nella prossima immagine è stata aggiunta la rappresentazione grafica della CTR di Torino.

in the next image, the graphic representation of Torino CTR has been added.

 

Nella vista in pianta i punti di riporto VFR relativi all’aeroporto di Cuneo.

Allo scopo di ricevere informazioni su eventuale traffico IFR operante all’interno dell’ATZ, i voli VFR in arrivo dovranno stabilire contatto radio con l’AFIU/TWR di Cuneo/Levaldigi non oltre i punti di attesa istituiti SALUZZO (MZNW1), BRA (MZNE1), MONDOVI’ (MZSE1), BROSSASCO (MZW2), DRONERO (MZW3).

I voli VFR in ingresso nella CTR Zona 3 di Torino da Ovest dovranno stabilire contatto radio con Cuneo AFIU/TWR non oltre i punti BROSSASCO (MZW2) e DRONERO (MZW3).

I voli VFR non possono decollare, atterrare o entrare nell’ATZ quando la visibilità al suolo è inferiore a 5 km o il ceiling è inferiore a 1500 ft, quando viene fornito il servizio di controllo di aerodromo e l’ATZ di Cuneo è classificato D.

Infine, non si può ignorare la zona regolamentata LI R64 CUNEO, dove si svolge intensa attività aerea militare, ogni giorno dalle 0500/z alle 2200/z.

In effetti la zona è molto estesa ed interferisce con le zone 3 e 5 della CTR.

Tuttavia, mentre l’AIP esclude lo spazio aereo della zona 3 (quando attiva) da quello della LI R64, lo stesso non accade per la zona 5, che rimane pertanto in conflitto.

_____

UPDATE del 30 Dicembre 2019 (AIRAC A12/19, in vigore dal 2 Gennaio 2020):

E’ stata istituita la zona di lavoro aereo VILLAR SAN COSTANZO AREA, dove si svolge attività di volo libero, dall’alba al tramonto.

E’ situata al di fuori degli spazi aerei controllati, a Est/Sud/Est dell’aeroporto di Cuneo Levaldigi, con limiti verticali che vanno dalla superficie a 1000ft AGL.

L’attività è soggetta a preventivo coordinamento e autorizzazione da parte di Milano SCCAM; inoltre, nei periodi di attività, l’ASD Paradeltaclub ha l’obbligo di reperibilità telefonica da parte di Milano SCCAM.     

English text:

In the plan view, the VFR reporting points relating to Cuneo airport.

In order to receive information on any IFR traffic operating within the ATZ, incoming VFR flights must establish radio contact with Cuneo/Levaldigi AFIU/TWR, not later than the holding points established over SALUZZO (MZNW1), BRA (MZNE1), MONDOVI’ (MZSE1), BROSSASCO (MZW2), DRONERO (MZW3).

VFR flights entering the Torino CTR Zone 3 from the West must establish radio contact with Cuneo AFIU/TWR not later than the points BROSSASCO (MZW2) and DRONERO (MZW3).

VFR flights may not take off, land or enter the ATZ when ground visibility is less than 5 km or the ceiling is less than 1500 ft (when aerodrome control service is provided and Cuneo ATZ is classified D).

Finally, the restricted are LI R64 CUNEO, where intense military air activity takes place, cannot be ignored. It is active every day from 0500/z to 2200/z.

The area is very large and interferes with zones 3 and 5 of the CTR.

However, while the AIP excludes the airspace of zone 3 (when active) from LI R64 airspace, the same does not happen for zone 5, and overlapping occurs.

______

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *